E anche questa sera ho perso il radiogiornale …

… già, perché comincia alle 19,30, quello su Radiopopolare a Milano, e a quest’ora è finito. Di fatto, non ho idea di cosa sia accaduto oggi in Italia e nel mondo. Mi rifarò più tardi, ho diverse newsletter che mi arrivano tramite mail, dalla Stampa.it al Guardian, al New York Times … E poi c’è Twitter … non rischio certo di rimanere a corto di notizie. Oggi poi ho cercato di finire il romanzo del momento di mattina, di cui parlerò quando l’ho finito, poi ho lavorato nel pomeriggio: e con domani finirò tutto il lavoro che mi sono portata a casa. E’ un mio obiettivo, quello di rimettermi in pari con il lavoro: scrivere tutte le relazioni che sono dovute da tempo, mandare avanti le richieste delle misure economiche, fare le “impegnative” per i progetti che devono partire. Se riuscissi a mettermi in pari, potrei finalmente riprendere a lavorare … meglio, ecco. Seguire le situazioni, concentrarmi sui progetti di intervento, insomma, cercare di ritrovare un minimo di gioia nel lavoro, quella gioia che mi sembra di aver perso da così tanto tempo. Del resto, in questo momento così oscuro della mia vita, il lavoro è una risorsa importante, e cercare di farlo al meglio, nonostante le innumerevoli contraddizioni, dubbi e paure, è quello che potrebbe aiutarmi a rimanere, o ritornare, a galla.

Dopo questi tre anni e mezzo di amore, sono di nuovo sola, e non è per niente facile, anche perché ero convinta di essere dentro un rapporto unico e straordinario. La solitudine era improvvisamente svanita. Questo non significa che non ero più da sola, ma essere – per quanto anomala – una coppia, è effettivamente diverso che essere da soli. E se tutte le altre volte, con i miei due matrimoni e con le mie due relazioni stabili (quattro in tutto, o cinque), tornare da sola era stato un sollievo, un aprirsi nella speranza di un nuovo amore, di una nuova avventura nel senso più pieno e serio del termine, questa volta sono stata lasciata senza che lo volessi. Io, che non ero mai stata lasciata da nessuno, che ero sempre stata quella a lasciare, ecco: tre settimane fa sono stata lasciata, e il dolore è ancora così acuto e la testa così vuota, e i pensieri così scombinati.

Il punto è che ancora faccio fatica a capire perchè. Lui mi ha detto che il motivo è che io pretendo da lui quello che lui non può darmi, cioè un rapporto di coppia “vero”: frequentarsi assiduamente (nel senso di quanto più possibile), dormire insieme qualche volta, fare progetti su cosa fare nel fine settimana o la sera, immaginare e realizzare una vacanza, sentirsi, confidarsi, contare l’uno sull’altra, io conoscere i suoi figli e frequentare un poco la sua casa, lui venire qualche volta a cena con mia madre e il suo compagno o con mio padre e sua moglie o con mio padre da solo. Lui sostiene che non si sente pronto per questo, che vuole stare da solo, non avere l’impegno di una “fidanzata”. Sostiene anche che questo suo sentirsi in questo modo non ha niente a che fare con l’amore, che io sono una bella persona, che lo ho aiutato tantissimo, che è stato felice con me e adesso non lo è più perché io ho cominciato a pretendere. Non mi ha più detto che mi ama, come scriveva in una lettera (mail scritta il 15 agosto scorso), però ha affermato che io sono una persona straordinaria, e che mi vuole molto bene. Insomma, non vuole un rapporto che comporti impegno. Non vuole (più) una “fidanzata”.

Ecco: diciamo che questo, togliendo le varie dichiarazioni di amore che mi ha fatto diverse volte, lo capisco.

La fine: riflessioni – 1

Continuo a non capire come WordPress.com funziona. Proprio non ci riesco. Mi chiedo se questa difficoltà è dovuta al fatto che non voglio pagare, né pagherò mai per nessun upgrade …

Listen here, you of WordPress.com: I am telling you in English too, if you do not get it in Italian: I will not, never ever, pay for any upgrade of any kind. I found your course quite difficult and boring to follow, too much to take in in one lesson, with chapters and sub-chapters, and links to this and that, so that it has been quite impossible for me to get really into it. So there are two possible explanations to my finding WordPress.com a poor blog site: or I am stupid or you are using some tricks and make things difficult and hard to understand because I am refusing to pay. Sorry, there is a third quite likely possibility: I find it difficult to understand web design and so forth. But let me say that you do not make it easy for the likes of me.

Ok: dopo questo sfogo, credo che sia ora di affrontare il tema che mi sta a cuore, cioè la fine del mio rapporto di amore, del mio innamoramento, della mia relazione con Paolo. Prima di tutto va detto che la parola fine l’ha messa lui. E’ lui che ha deciso che non ce la fa a stare dentro una relazione stabile, una relazione che gli richieda un impegno di una certa importanza. Non è la prima volta, infatti, che cerca di lasciarmi, che alle mie richieste di maggiore vicinanza, maggiore coinvolgimento, lui si tira indietro e prova a dire basta, cedendo poi alle mie argomentazioni, al mio venirgli incontro, al mio dire “facciamo come vuoi tu”. Inevitabilmente poi ci si riavvicinava, da entrambe le parti, con parole di amore, e fantasie di futuro insieme, con il suo chiedere tempo, in modo da riuscire sempre di più a stare bene con me. Questa volta non ha ceduto, e io non ho più insistito. Per me lui non è più. Mi disturba vedere quello che pubblica su fb, o su Instagram, come oggi, mi fa male, come una coltellata, sapere che da qualche parte, non tanto lontano da qui, ma in realtà lontanissimo, lui continua a vivere. Insomma, cornuta (si fa per dire) e mazziata. Ho sbagliato, ho sempre sbagliato. Ogni volta che lui metteva distanza, chiedeva di essere lasciato, mi lasciava, io avrei dovuto prenderlo sul serio. Avrei dovuto capire, e starmene lontano. Non ho voluto cedere: mi sono convinta che eravamo fatti l’uno per l’altra, che la nostra gioia nello stare insieme, la gioia della condivisione, del parlare l’una con l’altro, la comprensione, il passato comune, la reciproca stima, il fatto di essere così compatibili, il mio, e sottolineo, il mio (quanto egoisticamente!) amore sarebbe bastato per convincerlo, per far funzionare il nostro rapporto.